Sabato 20 luglio la prima edizione di Terre Sicane Wine Fest

Terre Sicane Wine Fest è una rassegna del vino, promossa dal Comune di Contessa Entellina in collaborazione con la Strada del Vino Terre Sicane e l’Associazione Culturale Enonauti.

L’evento si svolgerà Sabato 20 Luglio, con inizio alle ore 18.30, nella splendida cornice dell’Abbazia di Santa Maria del Bosco a Contessa Entellina, sita nella Valle del Belìce nel cuore del Parco dei Monti Sicani.

Una manifestazione per promuovere le eccellenze vinicole delle Terre Sicanevalorizzando, altresì, le attrattive naturalistiche, storiche, culturali ed ambientali.

Diversi i momenti in programma: il convegno di apertura dal titolo “Sperimentazione, biodiversità e sostenibilità, i più recenti orientamenti della ricercasarà dedicato ai vini reliquia”, che verranno degustati al termine del convegno a cui parteciperanno il Sindaco di Contessa Entellina Leonardo Spera, il Direttore della Strada del Vino Terre Sicane Gori Sparacino, il Direttore dell’Istituto Regionale del Vino e dell’Olio Vincenzo Cusumano, Antonio Sparacio del Comitato professionale di assaggio Area Tecnico Scientifica dell’IRVO e il Direttore del Dipartimento Sviluppo Rurale della Regione Siciliana Mario Candore; il convegno sarà moderato dalla giornalista Angela Amoroso.

Al termine del momento di approfondimento, ci si sposterà nel chiostro dell’Abbazia,  dove gli ospiti potranno degustare diverse etichette delle cantine che fanno parte della Strada del Vino Terre Sicane, prima di assistere allo spettacolo “CUNTASTORIE” di Salvo Piparo, improntato alla  poetica di strada legata alla tradizione popolare, con la partecipazione del polistrumentista Francesco Cusumano.

Nel corso della serata sarà possibile degustare, oltre al vino, prodotti tipici delle aziende locali, prima di continuare a divertirsi con la musica dei “ The TwoGiants Trio ”.

PER INFO E PRENOTAZIONI  Tf. 389 4388514

info@enonauti.it

https://www.facebook.com/terresicanewinefest o su www.terresicanewinefest.it

Sicilia in Bolle 2019: è record di presenze! I miei migliori assaggi

L’articolo completo è su WineMag

I MIGLIORI ASSAGGI A “SICILIA IN BOLLE “2019

Vino Spumante Brut, “Spumante 50°” – CVA Canicattì
La cooperativa di Canicattì celebra i suoi cinquant’anni con un’intrigante metodo Charmat prodotto con l’ 80% di Grillo e il 20 % di Catarratto. 60 giorni in autoclave e 2 mesi di affinamento in bottiglia per questo spumante, il primo assoluto dell’azienda lanciato in occasione dell’ultimo Vinitaly.

Lo “Spumante 50° è un vino fresco ed elegante. Le note tropicali e agrumate percepite al naso si riconfermano all’assaggio in bocca.  Un aperitivo ideale per l’estate appena iniziata.

Metodo Classico Pas Dosè 2015, Cantine Fina
36 mesi sui lieviti per questa novità dell’azienda marsalese fatta con il 70% di Chardonnay ed il 30 % di Pinot Nero. Giallo paglierino  nel calice ha un perlage fine e persistente. All’olfatto risaltano lieviti e crosta di pane accompagnati da leggere note di mela e fiori bianchi.  Fresco e piacevole in bocca è ideale in abbinamento ai crostacei.

Trento Dosaggio Zero DOC Talento Metodo Classico – Letrari
Dosaggio zero per questo spumante di una delle cantine più antiche del Trento Doc ottenuto da una cuvèe di Chardonnay e Pinot Nero con permanenza sui lieviti di almeno 24 mesi. Di colore giallo paglierino brillante ravviva il calice di un perlage fine e persistente.

Al naso delicati sentori di mela e crosta di pane. Buona acidità, sicuramente tra le più belle espressioni di questa meravigliosa terra di bollicine in trasferta in Sicilia.

Spumante Metodo Classico Brut Rosé 2017 – Murgo
A Sicilia in bolle hanno festeggiato i 30 anni di bollicine con una masterclass “Etna, 30 anni del Metodo Classico dell’azienda Scammacca del Murgo”.  Il loro nerello mascalese vinificato rosè, profuma di ciliegia dell’Etna, lampone e nocciola.  In bocca spicca il melograno che accompagna con una bella freschezza naturale in chiusura. Di estrema godibilità.

Vino Spumante Rosé Sicilia, Brut Rosé Metodo Classico 2014, Donnafugata
Prodotto nelle tenute di Contessa Entellina a 500 m sul livello del mare è un metodo classico, sboccatura 2018, da uve Pinot Nero. Di colore rosa antico e brillante ha un perlage fine e persistente. Ricco ed elegante il bouquet che sprigiona delicati sentori di fragoline, ciliegie e lamponi. Buona la struttura anche al palato e perfetto l’equilibrio.