Vino di qualità: un altro primato per Menfi

Tratto da Comunali Menfi

Il Comune di Menfi, con 31 menzioni “vigna”, risulta il sito con più riconoscimenti in Sicilia certificate dalla Regione.

 

L’Assessorato Regionale dell’Agricoltura ha aggiornato l’elenco positivo regionale delle menzioni “vigna” per la presentazione e la designazione dei vini a denominazione di origine protetta (Dop).

Nel 2019 salgono a 111 le menzioni “vigna” in Sicilia certificate dalla Regione. Dall’elenco regionale menzioni vigna emerge inoltre che il Comune di Menfi è tra i siti con il maggior numero di registrazioni.

Tra i territori che possono fregiarsi di tale denominazione ci sono anche Contessa Entellina, Santa Margherita Belice, Monreale, San Giuseppe Jato, Sciacca, Sambuca di Sicilia, San Cipirello e Montevago.

In termini legislativi, può essere denominata “vigna” la superficie utilizzata per la produzione di uve coltivate e vinificate secondo le specifiche indicazioni contenute nei relativi disciplinari di produzione e che generano un vino Dop, Denominazione di Origine Protetta.

Le menzioni sono tradizionalmente utilizzate nell’Unione per fornire ai consumatori informazioni sulle caratteristiche e sulla qualità dei vini complementari alle informazioni fornite dalle denominazioni di origine e dalle indicazioni geografiche protette. La tutela prevista, dunque, a livello comunitario con il Reg. UE 1308/2013 serve ad assicurare il funzionamento del mercato interno e pari condizioni di concorrenza, al fine di evitare che i consumatori siano indotti in errore.

L’art. 112 del Regolamento definisce e tutela le “menzioni tradizionali” come espressioni usate per indicare che il prodotto reca una denominazione di origine protetta (DOP) o un’indicazione geografica protetta (IGP) dal diritto unionale o nazionale. Ma non solo. All’interno delle generiche menzioni tradizionali, troviamo le “menzioni geografiche”, che servono proprio ad indicare che il prodotto vino reca una denominazione di origine o una indicazione geografica (che, ricordiamo, sono sempre legate ad un luogo geografico), ma anche un metodo di produzione, un evento, il tipo di luogo, o ad esempio la qualità.

La Chiesa di fronte alla criminalità organizzata, ci rivediamo in libreria?

Un nuovo libro sui rapporti tra mafia e chiesa a cura del Prof. Antonello De Oto e mia con gli autorevoli contributi di Vincenzo Bertolone, Domenico Bilotti,Luigi Mariano Guzzo, Corrado Lorefice, Giuliano Palagi, Michele Pennisi e Isaia Sales. Ci rivediamo in libreria?

Il libro lo trovate anche su Ibs, Amazon, Feltrinelli, Mondadori…e dal vostro librario naturalmente

La Chiesa di fronte alla criminalità organizzata

A cura di Antonello De Oto e Salvo Ognibene

 

Il tema oggetto di questo studio a più voci, anche grazie alla nuova stagione inaugurata da Papa Francesco, è oggi a un positivo punto di non ritorno. La beatificazione di padre Puglisi e i diversi decreti emanati dai vescovi negli ultimi anni offrono l’occasione di riflettere su un tema tanto delicato quanto controverso e la scomunica del Pontefice ai mafiosi, come pure i diversi anatemi pronunciati contro la pratica della corruzione in questi primi anni del suo pontificato, pongono interrogativi a cui è necessario rispondere. Di questo cambio di passo della Chiesa e di quel sogno di una “Chiesa povera per i poveri” anche la società italiana è ora edotta e sembra oggi opportuno soffermarsi, grazie ai contributi di eccellenti studiosi, sulle nuove sfide offerte in questa fase dal diritto penale ecclesiastico.

Contribuiti di: Vincenzo Bertolone, Domenico Bilotti, Antonello De Oto, Luigi Mariano Guzzo, Corrado Lorefice, Salvo Ognibene, Giuliano Palagi, Michele Pennisi, Isaia Sales.

 

BUP – Bononia University Press © 2019, pp. 144, euro 22